Esenzioni imposta di bollo sul Conto Corrente

Con il decreto “salva Italia” dell’anno 2012 sono state introdotta ( o modificata a seconda delle opinioni) dal 1 gennaio 2013 l’imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed anche alle comunicazioni dei prodotti finanziari. Tale imposta è quantificata in €.34,20 per i le persone fisiche ed in €.100,00 in tutti gli altri casi.

Nel caso dei prodotti finanziari l’imposta viene calcolata in base alla consistenza complessiva del deposito, ed in particolare viene applicato lo 0,15%, con un importo minimo di €.34,20.

A seguito di numerosi quesiti l’Agenzia delle Entrate ha emanata una circolare per mezzo della quale chiarisce quali sono i casi in cui tale imposta deve essere applicata e quali sono invece i casi di esenzione.

Il primo prodotto ad essere esentato è il conto corrente base (ne abbiamo parlato nell’articolo il Conto Base), ossia quel prodotto bancario rivolto a persone che si trovano in condizioni di disagio economico.

Sono esentati anche i conti correnti o  libretti di deposito che hanno una giacenza media inferiore ad €.5.000,00. Attenzione però,se presso il medesimo istituto sono attivi più conti o libretti intestati alla medesima persona, la giacenza media deve essere calcolata sulla somma delle giacenze di ciascun conto ed in caso questa superi la soglia di €.5.000,00 l’imposta verrà applicata a tutti i rapporti.  

Sono inoltre esclusi i conti di pagamento, ossia quelli accesi presso istituti che emettono moneta elettronica. In questo caso l’imposta non deve essere applicata in quanto i rapporti con i conti accesi presso tali istituti non sono da considerarsi conti correnti.

Alla luce di quanto chiarito dall’Agenzia delle Entrate quindi la prima cosa che dobbiamo fare è controllare la giacenza media del nostro conto corrente e verificare se dobbiamo pagare l’imposta e, in caso negativo, verificare tramite gli estratti conto se ci sia stata o meno addebitata (consiglio di leggere l’articolo relativo alla lettura dell’estratto conto).

Condividi questo post, se questo post ti è stato utile. Usa i pulsanti qui sotto e seleziona mi piace. Se vuoi conoscere i nuovi articoli sottoscrivi i miei feed.

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari